Quarant’anni dopo, il grande Röhrl sulle strade del mito

Walter Rohrl a San Martino
Walter Rohrl a San Martino

Alla vigilia del Rallye una straordinaria sorpresa al leggendario campione

San Martino di Castrozza, 8 settembre 2017_ Forse non tutti sanno che… una delle più straordinarie coppie rallistiche si è formata proprio al Rallye San Martino, nell’edizione 1977. L’ultima del periodo “antico” e la più prestigiosa perché assurta al rango della Coppa FIA conduttori antesignana del campionato mondiale piloti.

Walter Röhrl, straordinario interprete dell’arte del traverso indicato da molti addetti ai lavori come “il più grande”, gareggiò per la prima volta assieme a Christian Geistdorfer e fece il suo debutto alla guida di una Fiat Abarth 131 con la quale vinse il titolo iridato 1980.

Quella volta a San Martino, senza poter disporre delle gomme Pirelli sperimentali dei compagni di squadra, il tedesco ottenne il quarto posto alle spalle delle Lancia Stratos di Munari-Sodano e Pregliasco-Reisoli e della Fiat 131 di Verini-Scabini.

Ebbene quarant’anni dopo il suo fedele navigatore gli ha organizzato una trasferta a San Martino per festeggiare l’inizio della loro avventura agonistica, proprio alla vigilia del Rallye 2017, però mai avrebbe pensato che un clan virtuoso di vecchi amici e appassionati italiani, tra cui Rudy Dal Pozzo e Francesca “lady Fulvia” Pasetti, avrebbe completato il quadretto rievocativo con una sorpresa fantastica.

Röhrl a San Martino ha ritrovato proprio la Fiat Abarth 131 del 1977, perfettamente conservata dal suo attuale proprietario, l’udinese Steno Dondé, scavandogli un sorriso estasiato in quel volto segnato da mille battaglie in controsterzo. Un giro sul Manghen e una cena da Anita sono stati il corollario di una splendido tuffo nella nostalgia, condivisa da Giorgio Taufer “vecchio nume” della San Martino Corse e dal suo discepolo Cristian Marin.