World Endurance Championship: la Ferrari è campione del mondo Costruttori

FIA WEC, Ferrari Campione del Mondo Costruttori, Podio Mondiale

• In GTE-Pro Alessandro Pier Guidi e James Calado, terzi, e Davide Rigon
e Sam Bird, sesti, assicurano al Cavallino il titolo con una corsa di anticipo
• Per l’assegnazione dell’alloro piloti sarà necessario attendere il gran finale
del Bahrain. Pier Guidi e Calado guidano la classifica con 2 punti di margine

Shanghai, 5 novembre 2017 – La Ferrari ha vinto con una gara di anticipo il Campionato del Mondo Costruttori del FIA World Endurance Championship (WEC). I punti decisivi sono arrivati nella 6 Ore di Shanghai che si è corsa oggi nella quale le due 488 GTE del team AF Corse sono giunte rispettivamente terza con Alessandro Pier Guidi e James Calado e sesta con Davide Rigon e Sam Bird. Per la Ferrari si tratta del quinto titolo Costruttori WEC (2012, 2013, 2014, 2016, 2017) e complessivamente del 24° campionato riservato ai costruttori tra quelli disputati sotto l’egida FIA. Il titolo odierno si aggiunge ai sette Campionati del Mondo Marche centrati tra il 1953 e il 1961; alle tre edizioni dell’International GT Championship (1962, 1963 e 1964); ai quattro titoli Prototipi raccolti tra il 1963 e il 1972; ai tre campionati costruttori FIA GT (2006, 2007 e 2010) e alle due edizioni dell’Intercontinental Le Mans Cup (2010 e 2011).

FIA WEC, Ferrari Campione del Mondo Costruttori, Shangai

GTE-Pro. Nella classe GTE-Pro la gara è stata difficile per entrambe le vetture. James Calado ha dovuto cedere una posizione nei primi giri alla Ford numero 66 di Olivier Pla, estremamente veloce sul rettilineo, mentre Davide Rigon ha perso due piazze, pagando a sua volta la poca velocità di punta della 488 GTE. La metà di gara iniziale è stata di sacrificio per l’auto 51 che è partita con gomme usate per poter avere gomme più fresche nel finale. Nelle prime due soste sono state cambiate solamente due pneumatici e soltanto allo scoccare della terza ora la 488 GTE dell’equipaggio che guida la classifica piloti ha potuto girare con quattro gomme nuove. Più progressiva ma non troppo dissimile la tattica sulla vettura 71. Entrambe le 488 GTE nella seconda metà della corsa hanno iniziato a rimontare in classifica con la 51 che è risalita fino al quarto posto e la 71 al sesto. Nel finale di gara una delle due Ford è andata in crisi con le gomme e Pier Guidi è riuscito a salire in terza posizione mentre Rigon ha chiuso sesto in scia all’Aston Martin di Marco Sorensen. La vittoria è andata a Henry Tincknell e Andy Priaulx con la Ford numero 67, ma la festa è stata nel garage Ferrari del team AF Corse.

FIA WEC, Ferrari Campione del Mondo Costruttori, Shangai

GTE-Am. Giornata decisamente amara per le due Ferrari impegnate in classe GTE-Am. A 1 ora e 20 di gara, dopo che la vettura numero 54 di Spirit of Race era stata anche al comando con Francesco Castellacci, le due 488 GTE si sono trovate molto vicine ma sono state entrambe buttate fuori pista da un prototipo. Weng Sun Mok, sulla vettura numero 61 di Clearwater Racing è riuscito a ripartire dopo una riparazione durata sei giri e per lui, Keita Sawa e Matt Griffin è arrivato almeno il quarto posto; nulla da fare invece per la 54 di Flohr, Castellacci e Miguel Molina (che non ha neppure guidato) costretti ai box dall’eccessiva entità dei danni. La vittoria di classe è andata all’Aston Martin di Dalla Lana-Lamy-Lauda, quella assoluta alla Toyota di Nakajima-Buemi-Davidson.

Campionato piloti. Il risultato della 6 Ore di Shanghai, se ha chiuso i giochi per il titolo Costruttori lascia aperta la classifica Piloti che si deciderà in Bahrain il 17 e 18 novembre prossimi. James Calado e Alessandro Pier Guidi hanno un vantaggio di due punti su Frederic Makowiecki e Richard Lietz della Porsche e di 7,5 su Priaulx e Tincknell. A 17,5 punti è ancora in corsa anche l’altro pilota Ferrari, Davide Rigon.

FIA WEC, Ferrari Campione del Mondo Costruttori

Dichiarazioni post gara

Antonello Coletta, responsabile Attività Sportive GT: “Sapevamo che a Shanghai avremmo faticato e infatti per noi è stata una delle corse più difficili dell’anno. La nostra vettura però si è dimostrata anche in questo caso all’altezza della situazione e grazie al gran lavoro fatto a Maranello, allo straordinario sforzo profuso come sempre da AF Corse nella gestione in pista delle 488 GTE, al supporto dello staff Michelotto e alle straordinarie doti di guida dei nostri piloti siamo riusciti a centrare l’obiettivo per noi più importante, il campionato del mondo costruttori, per di più con una gara di anticipo. Nonostante questa grandissima gioia non abbassiamo la guardia: c’è ancora il campionato del mondo piloti da conquistare così come la classifica riservata ai team. Arriveremo in Bahrain carichi e desiderosi di chiudere in un modo ancora migliore questa stagione già per noi così positiva”.

James Calado, pilota Ferrari #51, 3° GTE-Pro: “Il primo obiettivo, che era il titolo mondiale costruttori, lo abbiamo conquistato. Non è stato facile e ci è voluto l’impegno di tutta la squadra per centrarlo con una gara di anticipo. Questo successo è pienamente meritato dai ragazzi della Ferrari e di AF Corse. Non vedo l’ora di scendere in pista in Bahrain per provare a vincere il titolo piloti e rendere indimenticabile quella che è già una stagione da meravigliosa”.

Alessandro Pier Guidi, pilota Ferrari #51, 3° GTE-Pro: “La gara di oggi è stata tra le più difficili della stagione: abbiamo dovuto gestire le gomme e siamo stati costretti a una strategia particolarmente conservativa. Nel finale siamo riusciti a recuperare posizioni e a salire sul podio. Siamo ancora al comando del campionato piloti anche se sappiamo che in Bahrain sarà durissima. Oggi però è il momento di fare festa per il titolo mondiale della Ferrari che è pienamente meritato”.

Davide Rigon, pilota Ferrari #71, 6° GTE-Pro: “Non è stata certamente la gara che speravamo di vivere. Abbiamo faticato molto all’inizio a causa della velocità di punta che, anche quando eravamo più rapidi sul passo, rendeva difficile portare il sorpasso agli avversari. Siamo contentissimi di aver contribuito alla vittoria della Ferrari nel campionato del mondo e mi devo complimentare con tutti i ragazzi che hanno lavorato per questo meritatissimo titolo. Ora guardiamo al Bahrain con fiducia, la pista mi piace e io non sono ancora tagliato fuori dai giochi”.

Sam Bird, pilota Ferrari #71, 6° GTE-Pro: “Abbiamo faticato nella gestione delle gomme, inoltre la mancanza di velocità massima ci ha reso difficile i sorpassi. Il risultato della nostra gara però oggi passa in secondo piano perché c’è da festeggiare uno straordinario titolo mondiale per la Ferrari. Al Bahrain penseremo da domani mattina”.

 

Questa la classifica finale

Classifica FInale FIA WEC