World Endurance Championship: terza e quarta fila per la Ferrari a Spa-Francorchamps

James Calado e Alessandro Pier Guidi, Ferrari 488 GTE
James Calado e Alessandro Pier Guidi, Ferrari 488 GTE

• In classe GTE-Pro i campioni del mondo James Calado e Alessandro Pier Guidi sulla 488 GTE numero 51 precedono Davide Rigon e Sam Bird sull’auto 71
• In GTE-Am la migliore 488 GTE è la numero 70 di MR Racing con Ishikawa-Beretta-Cheever. Spirit of Race e Clearwater Racing immediatamente dietro

Francorchamps, 4 maggio 2018 – Qualifiche difficili per le cinque Ferrari iscritte alla 6 Ore di Spa-Francorchamps, prova inaugurale della Super Season del World Endurance Championship (WEC). In classe GTE-Pro le 488 GTE del team campione del mondo scatteranno dalla terza e dalla quarta fila con, rispettivamente, le vetture 51 e 71. Quarta e quinta fila per le auto in gara nella classe GTE-Am con la migliore delle Ferrari che è risultata la 488 GTE numero 70 del team MR Racing.

Davide Rigon e Sam Bird, Ferrari 488 GTE
Davide Rigon e Sam Bird, Ferrari 488 GTE

GTE-Pro. Nella classe GTE-Pro ad iniziare il turno sulle vetture 51 e 71 sono stati rispettivamente James Calado e Davide Rigon. Il pilota inglese ha ottenuto il tempo di 2’14”573 scendendo a 2’14”383 al giro successivo, mentre Rigon ha ottenuto prima 2’14”900 e poi 2’14”780. A questo punto i due hanno lasciato rispettivamente ad Alessandro Pier Guidi e a Sam Bird. Il campione del mondo nel suo primo passaggio ha fermato i cronometri a 2’14”731 andando poi ad eguagliare il tempo del compagno di team con un 2’14”388 che ha portato il tempo medio a 2’14”385. Sam Bird sull’auto 71 è invece stato capace di un 2’15”929 poi migliorato fino a 2’15”429 per un tempo medio di 2’15”104. In gara le 488 GTE scatteranno dalla sesta e dalla settima posizione. La qualifica ha confermato i valori già visti in occasione del prologo di Le Castellet con Ford e Porsche nettamente più veloci. Le due vetture americane e le due tedesche si sono giocate la pole piazzandosi molto vicine tra loro. Il miglior tempo è stato ottenuto dalla Ford 67 di Tincknell-Priaulx con 2’12”947. È evidente come per le 488 GTE, nell’attuale configurazione regolamentare (BOP), sia impossibile avvicinare queste prestazioni.

Ishikawa-Beretta-Cheever, Ferrari 488 GTE
Ishikawa-Beretta-Cheever, Ferrari 488 GTE

GTE-Am. La classe GTE-Am ha offerto una falsariga di quanto visto nella categoria principale, con le Ferrari a lottare per un posto in quarta fila. Alla fine la vettura meglio piazzata è stata la 488 GTE numero 70 del team MR Racing, che con Olivier Beretta (2’16”719) e Motoaki Ishikawa (2’20”745) ha ottenuto il settimo posto con 2’18”512. La 488 GTE di Spirit of Race è stata qualificata da Giancarlo Fisichella e Thomas Flohr con l’ottavo tempo in 2’18”917, mentre la vettura di Clearwater Racing scatterà nona con il crono di 2’19”630 figlio delle prestazioni di Weng Sun Mok e Matt Griffin. La pole position di classe è andata alla Porsche del Gulf Racing (Wainwright-Barker-Davison) in 2’15”332, quella assoluta alla Toyota di Kobayashi-Conway-Lopez in 1’54”583. La 6 Ore di Spa-Francorchamps prenderà il via sabato alle 13.30.