Dovizioso torna grande a Brno

Desmo Dovi centra la pole dopo 28 GP di digiuno, dietro di lui c’è il Dottore. I due sfidano Marquez, terzo, ma occhio a Lorenzo

Il sabato a Brno ci parla di un fantastico Andrea Dovizioso. Il vice campione del Ducati Team domina le qualifiche e mette a referto un giro incredibile che lo pone al comando della tabella tempi. 1:54.684s è il miglior passaggio della sessione, arrivato all’ultimo tentativo e che cancella 28 gare di astinenza dalla partenza al palo: Sepang 2016.

Il numero 4 domina le qualifiche, non dettava legge il sabato da Sepang 2016. Il Dottore è secondo. Marquez battuto e occhio a Lorenzo

Dietro a Dovizioso un infinito Valentino Rossi (Movistar Yamaha MotoGP) alla sua terza partenza dalla prima fila annuale.

Ma ad impressionare tutti all’inizio è Marc Marquez che esce dal box con il coltello tra i denti dopo aver dominato le ultime libere. Nella seconda giornata di GP, diventa il grande favorito per la vittoria finale. Sale subito in testa alla tabella tempi e cede solo ad un imperativo Jorge Lorenzo (Ducati Team). Il pilota Honda, leader in campionato, però subisce il ritorno di Dovizioso e Rossi e sarà terzo finale.

Il forlivese infatti mette in pista una grande prestazione e segna un risultato storico per Ducati in Repubblica Ceca: l’ultima pole di una moto di Borgo Panigale lì è quella di Stoner nel 2008. Dovi, inoltre, rompe il monopolio di Honda e Yamaha che durava da nove anni di qualifiche.

La scuderia di Iwata applaude il suo nove volte campione ma assiste alla opaca qualifica di Maverick Viñales, solo dodicesimo al via.

Ad inizio di sessione sembrava che l’uomo pole fosse destinato ad essere Lorenzo che mette a referto un passaggio di alta quota ma alla fine sarà quarto.

Danilo Petrucci (Alma Pramac Racing) e Andrea Iannone (Team Suzuki Ecstar) sono sesto e ottavo.

Domani, domenica 5 agosto, si preannuncia un’altra battaglia memorabile che prenderà il via alle 14:00.