Rea: “A questo punto ho tutto da perdere”

tutte le fotografie by Otto Moretti

Autodromo Internacional do Algarve , Portimao 14 - 16 settembre 2018 - (c) ph Otto Moretti

Il pilota Kawasaki potrebbe conquistare il suo quarto titolo a Magny-Cours con due Round ancora da disputare

Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK) si è avvicinato ancora di più al suo quarto titolo consecutivo nel Campionato Mondiale MOTUL FIM Superbike grazie ad un’altra vittoria magistrale all’Autodromo Internacional do Algarve. Passato dalla nona alla terza posizione in un giro, il nordirlandese ha trionfato su Chaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati) in un altro duello avvincente che gli ha consegnato la terza doppietta consecutiva.

Il pilota KRT ora comanda la classifica con 116 punti di vantaggio su Davies e questo vuol dire che potrebbe conquistare il quarto titolo mondiale in una delle due gare che si disputeranno a Magny-Cours fra due settimane. Mancano sei gare e Rea è imbattuto da Laguna Seca, avrebbe bisogno di 34 punti per confermarsi campione.

“È pazzesco, ancora non ci credo. – afferma nel post-gara – Quando siamo venuti qui qualche settimana fa per i test, sapevamo di essere abbastanza forti con il caldo. Abbiamo mantenuto la stessa moto per tutto il fine settimana e ho provato ad adattare il mio stile alla pista”.

Dopo un’agevole vittoria in Gara 1, Rea è stato protagonista di una dura battaglia con Davies: “Nei primi giri avevo un buon passo per arrivare a Chaz, ma poi è crollato perché non riuscivo a trovare un modo per superarlo. In frenata è fortissimo e, dovunque io fossi veloce, lo era anche lui. Quindi ho dovuto essere creativo per trovare il sorpasso. Alla fine ci sono riuscito alla curva 10, in cima alla collina”.

In vista dell’opportunità di vincere il titolo in Francia, Rea afferma: “L’obiettivo è di provare a vincere il campionato a Magny-Cours. Adesso siamo sulla strada giusta. A questo punto ho tutto da perdere, per stupidità o a causa di un errore. Voglio provarci, fare del mio meglio ogni fine settimana e cercare di limitare gli errori. L’obiettivo è in vista ora”.