Dakar 2019 – Vittoria di Loeb e Sunderland

Mass Start; during the Dakar 2019; Stage 5; Moquegua-Arequipa; Peru; on january 11 - @World / ASO / Charly Lopez

L’occhio nell’obiettivo
Il giorno di riposo sarà particolarmente meritato per i piloti della Dakar che con la quinta tappa si sono spinti fino a Tacna, al confine con il Cile, il punto più lontano da Lima raggiunto dai piloti.

Seconda parte della tappa marathon, i concorrenti hanno affrontato la tappa più lunga di questa Dakar 2019 dopo una spettacolare partenza in linea prima di lanciarsi nelle dune. Il percorso si è poi snodato tra sontuosi canyon prima di affrontare le famose dune di Ilo. Prima dell’arrivo al bivacco, le auto, SxS e camion hanno affrontato ulteriori 137 chilometri con in programma il settore fesh-fesh del giorno prima. Una buona dose di coraggio!

La gara
Discreto fin dall’inizio della corsa, Sam Sunderland ha ricordato che non ha vinto la Dakar 2017 per caso. Il pilota KTM si è aggiudicato la prima vittoria di questa edizione al termine di una battaglia molto serrata. Con questo risultato balza secondo nella generale e riduce a 59 secondi il distacco dal leader Ricky Brabec (Honda). Nelle auto Vittoria di Sebastien Loeb. La seconda in questo 2019, costruita con oltre 10 minuti di vantaggio su Nasser Al-Attiyah che consolida la leadership nella generale. Stéphane Peterhansel è ora distaccato di ben 24 minuti. Nei quad, Nicolas Cavigliasso centra un nuovo successo che gli consente di portare il suo vantaggio nella generale a quasi 50 minuti. Più serrata la battaglia nei camion con il vincitore di tappa Eduard Nikolaev che ancora può giocarsela con i suoi compagni di squadra Dmitry Sotnikov e Andrey Karginov.

Performance del giorno
Sébastien Loeb si aggiudica la 12a vittoria in carriera dopo due difficili giorni. Il pilota Peugeot ha dato una vera e propria prova di forza distaccando di 10 minuti il leader della generale Nasser Al-Attiyah. Per l’alsaziano non è ancora detta l’ultima parola quando il rally è al giro di boa.

Abbandoni
Dopo il duro colpo di Joan Barreda, oggi lo squadrone Honda ha perso Paulo Goncalves. Caduto al km 155, il portoghese ha riportato un lieve trauma cranico e sospetta frattura alla mano destra. Tra gli Italiani, è stato costretto ad abbandonare anche Jacopo Cerutti. Il pilota Husqvarna dice addio alla sua Dakar quando era 18° della generale a seguito di una violenta caduta al km 160, quando nel fesh fesh ha urtato una roccia, distruggendo completamente la moto. Nella prima parte della tappa marathon si erano ritirati invece Mirco Miotto e Nicola Dutto.

La statistica del giorno
132 il numero di vittorie di Kamaz sulla Dakar.

Dichiarazione del giorno
Ricky Brabec (Honda): « Non so se è un sogno od è realtà. Mi piacerebbe avere un bel margine sul generale invece gli avversari sono molto vicini. La Dakar è dura ed imprevedibile. Mi sono preparato tantissimo per questa edizione. Certo, essere il primo americano a vincere la Dakar e regalare ad Honda una vittoria che interromperebbe lo strapotere di KTM, significherebbe scrivere pagine importanti di questo sport”.