Basse temperature e pista molto abrasiva a Jerez: molto positivo il primo feedback dei piloti sugli pneumatici 2015

Più giri e migliori performance rispetto ai primi test del 2014 mostrano uno straordinario sviluppo della tecnologia ibrida.

Paul Hembery, Direttore Motorsport Pirelli:rn“I quattro giorni di test a Jerez si sono svolti in modo abbastanza tranquillo; tutte le squadre presenti hanno effettuato molti più giri rispetto ai test dello scorso anno: dato che dimostra lo straordinario ritmo di sviluppo della tecnologia ibrida.rnrnAbbiamo sperimentato condizioni atmosferiche diverse su una pista molto abrasiva e non abbiamo incontrato nessun problema, con commenti generalmente positivi da parte dei piloti. Dal punto di vista delle gomme, le due sessioni di Barcellona di fine mese saranno più rappresentative, sempre che il meteo resti favorevole.rnIl prototipo di mescola hard “invernale” che abbiamo messo a disposizione – una mescola appositamente creata, con un warm-up più veloce – è stato chiaramente apprezzato; i piloti, infatti, lo hanno testato molto. E’ chiaro che le nuove vetture si sono già molto evolute rispetto al 2014, e prevediamo che ci saranno ulteriori miglioramenti da qui a Melbourne”.rnrnrnNumero complessivo di set portati a Jerez: 284rn5 supersoft; 37 soft; 120 medium; 57 hard; 40 intermediate; 25 full wetrnrnNumero complessivo di set utilizzati: 155rn0 supersoft, 21 soft, 83 medium, 29 hard, 16 intermediate, 6 full wetrnrnrn[showpicc]j-l-dtduuid-ydvcdlt-y.png[/showpicc]rnrnrnPirelli ha portato a Jerez anche 16 set del prototipo di pneumatico “winter hard”. Ciascuna Scuderia ha a disposizione due treni di questa particolare gomma per tutte e tre le sessioni di prove pre-campionato. Si tratta di uno pneumatico prototipo, creato esclusivamente per i test, e non fa parte della gamma P Zero per la stagione 2015. È una mescola hard, con un basso working range che le consente di raggiungere in breve tempo le massime prestazioni anche quando fa freddo: particolarmente adatto alle condizioni metereologiche europee nel mese di febbraio.rnrnrnRun più lungo per ciascuna mescola:rnSupersoft: 0 giri rnSoft: Maldonado (Lotus) 19 giri giorno 3rnMedium: Rosberg (Mercedes) 29 giri giorno 1rnWinter hard: Rosberg (Mercedes) 34 giri giorno 1rnHard: Rosberg (Mercedes) 42 giri giorno 1rnIntermediate: Rosberg (Mercedes) 25 giri giorno 3rnFull wet: Nasr (Sauber) 4 giri giorno 2rnrn rnrnGiro più veloce e scelta degli pneumatici:rnGiorno 1 Vettel (Ferrari) 60 giri 1m22.620s MediarnGiorno 2 Vettel (Ferrari) 89 giri 1m20.984s MediarnGiorno 3 Nasr (Sauber) 109 giri rnrn1m21.545s SoftrnGiorno 4 Raikkonen (Ferrari) 106 giri 1m20.841s SoftrnrnrnDopo quattro giorni di test sono stati percorsi 2294 giri in totale. Lo scorso anno, nello stesso periodo, i giri percorsi furono 1470, con 11 squadre in pista invece delle otto di quest’anno. Il tempo più veloce nel 2014 è stato di 1m23.276s (Kevin Magnussen, McLaren), questo dato sottolinea un enorme aumento delle prestazioni e dell’affidabilità rispetto a un anno fa.rnrnOgni Scuderia ha a disposizione, per tutti i test della stagione 2015, un totale di 135 set di pneumatici.rnrnAltre due sessioni di test di quattro giorni si terranno a Barcellona, dal 19 al 22 febbraio e dal 26 febbraio al 1° marzo.