2° Rally Storico Città di Adria: i protagonisti e le prove

Oltre settanta gli iscritti al rally e alla regolarità sport promettono agonismo e spettacolo lungo le quattro prove speciali da ripetere. Grande attesa per la “Tizè Power Stage” di Rosapineta, che darà fuoco alle polveri alle ore 21.00 di venerdì 13.

Adria (RO), 12 marzo 2015 – Tutto pronto per la seconda edizione del Rally Storico Città di Adria – Memorial Valerio Cavallari e del 2° Revival Città del Pane. Sono una settantina gli equipaggi che si sfideranno nella duplice manifestazione, su quattro diversi tratti cronometrati dei quali, di seguito, si presentano le caratteristiche, la lunghezza e si forniscono gli orari dei passaggi e delle chiusure delle strade. Si conferma anche l’interesse dimostrato dall’amministrazione comunale di Adria per la manifestazione con la delibera del Sindaco Massimo Barbujani che permetterà di tenere aperti i negozi del centro fino a tarda ora nella serata di venerdì 13 concomitante con la partenza del rally.rnrnNel rally storico è molto attesa la prova dell’idolo di casa Matteo Luise che tenterà di migliorare la seconda posizione del 2014 affidandosi alla possente Audi Quattro Gruppo B; in coppia con Simone Stoppa dovrà nuovamente vedersela coi vincitori dello scorso anno, i bresciani Roberto Montini ed Erika Zoanni su Porsche 911 Sc Gruppo 4, ad Adria per puntare al bis dopo l’ottima stagione 2014. In cerca di riscatto dopo il prematuro ritiro della scorsa edizione, anche il duo veronese formato da Riccardo Andreis e Stefano Farina con la consueta Porsche 911 RSR Gruppo 4 con la quale iniziano la rincorsa al CEZ Central Europe Zone. Grande interesse per il debutto nei rallystorici di Antonio Manfrinato iscritto con quell’Audi Quattro che già due volte il finlandese Latvla ha portato al successo nel Lahti Rally in Finlandia. Tra gli iscritti anche il vincitore dell’edizione 1988 Antonillo Zordan, che ora corre con una Porsche 911 SC. Altra “chicca” nel rally, sarà la presenza di quel Max Novello che la gara la vinse nel 1989 alla guida di una Lancia Delta; per l’esordio nei rally storici si affiderà ad una Porsche 911 Gruppo 4 che dividerà con l’esperta Paola Valmassoi, e con una vettura simile i padovani Claudio Zanon e Maurizio Crivellaro che cercheranno di inserirsi nella zona alta della classifica.rnrnMolteplici gli spunti per sfide nella sfida, date anche dagli altri equipaggi, tra le quali non mancherà d’entusiasmare quella della classe 2-1150 dove saranno ben sette le Autobianchi A112 Abarth ed una Fiat 127 Sport a duellare per la supremazia nella classe più numerosa.rnrnSe tra le vetture del rally storico sarà Matteo Luise uno dei protagonisti, tra le ”classiche” del periodo 1986 – 1990 molto attesa è la prestazione della spettacolare BMW M3 con la quale il fratello Marco non mancherà di deliziare il numeroso pubblico sin dalla prova speciale di apertura del venerdì sera.rnrnAnche nel Revival Città del Pane si schiererà al via un prestigioso equipaggio che gode i favori del pronostico, quello formato dai due volte vincitori della rievocazione della 1000 Miglia, Giordano Mozzi e Stefania Biacca che inizieranno proprio da Adria la scalata al Trofeo Tre Regioni alla guida della Lancia Fulvia HF utilizzata di recente anche al Rally Montecarlo Historic; ma non sarà una passeggiata per la coppia mantovana che dovrà vedersela con alcuni abili avversari tra i quali spiccano i nomi di Paolo Veronese e Maurizio Senna vincitori del “Tre Regioni” 2012 e 2013. Degna di nota anche la presenza del polesano Luigi Ferratello, vincitore della scorsa edizione, il quale proprio ad Adria festeggerà la sua cinquantesima stagione di gare automobilistiche.rnrnLe prove speciali e gli orarirnrnPS 1 ROSAPINETA – Km. 3,50rnrnLa prima, succulenta, novità per l’edizione 2015 è il ritorno alla magica “notte del rally” con la prova di apertura, la Rosapineta – Tizè Power Stage, che si disputerà alla luce delle fanalerie supplementari.rnrnIn un vero e proprio labirinto costruito all’interno della nota località turistica di Rosolina Mare i concorrenti si troveranno ad affrontare tre chilometri e mezzo molto intensi visti gli innumerevoli cambi di direzione che caratterizzano questa speciale. Seppur leggermente rivisitata dalla scorsa edizione, la prova speciale di Rosapineta mantiene inalteratornrnil proprio fascino con il mitico dosso finnico posizionato verso la fine del crono unito al ritorno del passaggio a ridosso degli stabilimenti balneari, particolarmente apprezzato dal pubblico per l’ampiezza dello spazio, che garantisce la possibilità di gustare un ampio tratto di prova speciale.rnrnPassaggio dalle ore 21.00 (orario di chiusura strada dalle 20.00 alle 23.00)rnrnPS 2 – 6 – 8 ISOLELLA – Km. 6,60rnrnUn altro pezzo di storia del Rally del Pane prima e del Rally di Adria e del Polesine poi. Con il classico start a pochi metri dal Bar del Rallysta, in località Corcrevà di Bellombra, la prova di Isolella ripercorre il primo tratto di un totem della corsa polesana: la speciale di Gavello. Caratterizzata da curvoni ad ampio raggio tra di loro raccordati l’inizio molto guidato vedrà i concorrenti impegnati ad impostare le giuste traiettorie per mantenere un ritmo più elevato possibile.rnrnDopo alcuni chilometri si abbandonerà il percorso della Gavello per prendere la direzione verso località Santi (Papozze) con una sede stradale che va progressivamente a ridursi con lo spettacolare passaggio sul ponticello del centro abitato di Isolella. Segue un finale più tortuoso e tecnico in cui sarà imperativo non calare la concentrazione.rnrnPrimo passaggio dalle ore 10.20 (orario di chiusura strada dalle 9.00 alle 11.30)rnrnSecondo passaggio dalle ore 15.28 (orario di chiusura strada dalle 14.15 alle 18.30)rnrnTerzo passaggio dalle ore 17.26rnrnPS 3 – 7 – 9 PONTE – Km 7,70rnrnConfermata anche in questa edizione la prova speciale di Ponte che, partendo dalla pesa di Villanova Marchesana imbocca, dopo pochi metri, il secondo tratto della vecchia Gavello. Dopo lo storico “boschetto” il crono aumenta progressivamenternrnil ritmo condito da importanti allunghi con curve secche che ne spezzano il ritmo. Si arriva così allo spettacolare sterrato, lungo poco più di un chilometro e mezzo, in cui i concorrenti si troveranno a far i conti con la scarsa aderenza dettata dalle gomme non adatte. Usciti dallo sterrato la prova speciale assume una nuova veste diventando particolarmente tecnica e ritmica con una serie continua di curve raccordate in cui mantenere un passo costante pagherà in modo pesante inrnrntermini di classifica finale.rnrnPrimo passaggio dalle ore 10.39 (orario di chiusura strada dalle 9.15 alle 11.45)rnrnSecondo passaggio dalle ore 15.47 (orario di chiusura strada dalle 14.30 alle 18.45)rnrnTerzo passaggio dalle ore 17.45rnrnPS 4 – 5 SAGUEDO – Km. 13,70rnrnLa più attesa novità dell’edizione 2015 del Rally Città di Adria è il ritorno di una delle speciali simbolo della storia polesana. Il tratto iniziale ricalca la prova che fece la fortuna del Rally del Pane ad inizio degli anni ‘80 per poi abbandonare il vecchio percorso ed affrontare un tratto del tutto inedito sino a ricollegarsi con il tracciato più conosciuto delle recenti Colombano e Badia Villafora degli anni ‘90. La presenza della nuova autostrada in costruzionernrnnon ha fermato gli organizzatori che hanno inserito un breve tratto di sterrato che permette ai concorrenti di ricollegarsi al vecchio percorso. Particolarmente spettacolare il passaggio nel centro di Colombano, con due inversioni in rapida sequenza, dove le tante trazioni posteriori presenti al via potranno deliziare il pubblico con traversi di alta scuola. Segue un finale veloce e tecnico che si conclude a poche centinaia di metri dal centro di Badia Polesine.rnrnPrimo passaggio dalle ore 11.53 (orario di chiusura strada dalle 10.30 alle 15.00)rnrnSecondo passaggio dalle ore 13.44