Le prove speciali del Rally Campagnolo

I segreti delle prove speciali, le postazioni consigliate al pubblico e gli orari di chiusura delle strade per seguire al meglio l’atteso evento. La speciale “Torreselle” di venerdì sera, in streaming dal web.

Isola Vicentina (VI), 30 aprile 2015 – Si conta oramai in ore il tempo che manca al via dell’attesa undicesima edizione della gara più amata dai piloti italiani che anche quest’anno hanno risposto in massa all’appello del Rally Campagnolo che li vedrà protagonisti sulle cinque diverse prove speciali delle quali di forniscono informazioni utili per il posizionamento del pubblico, orari di svolgimento e di conseguente chiusura delle strade che saranno riaperte alla circolazione stradale tra un passaggio e l’altro. Si raccomanda agli spettatori e ai residenti di percorrere le strade solo dopo il passaggio della vettura “scopa” contraddistinta dal lampeggiante di colore verde.rnrnPS 1 “TORRESELLE” Km 8,87 – passaggio unico ore 20.24 di venerdì 1 maggio. Chiusura strada dalle ore 19.38 del 1 maggio alle ore 23.38 del 1 maggio 2015rnrnUna classica del Rally Campagnolo da correre alla luce dei fare supplementari ma leggermente rivista rispetto alle ultime edizioni. La partenza è situata vicino l’Eremo di Santa Maria a due passi dal Centro di Isola Vicentina. La prova parte proponendo i primi tre chilometri di salita con due tornanti spettacolari poco dopo la partenza, con postazione pubblico illuminata e in sicurezza; si prosegue con un falso piano veloce e guidato fino al paese di Ignago, per continuare in discesa per altri due chilometri in direzione Castelnovo. Per il pubblico si segnalano anche i 2 tornanti in prossimità del fine prova in un punto spettacolare e in sicurezza.rnrnPS 2/6 “SANTA CATERINA” Km 14,82 – 1° passaggio ore 8.44 – 2° passaggio 14.10. Chiusura strada dalle ore 07.40 alle ore 11.40 e dalle ore 13.06 alle ore 17.06 del 2 maggiornrnLa prova è una di quelle storiche del rallysmo vicentino: si sale dalla località Poleo fino a raggiungere il paese di Santa Caterina con un percorso tecnico e veloce ed un asfalto che offre un ottimo grip; segnaliamo una postazione sicura per il pubblico a 300 mt dalla partenza in prossimità di un ampio tornante destro e spettacolare è anche il passaggio del tornante e cambio strada in prossimità del “Ristorante da Giancarlo”, che per l’occasione proporrà un menù tipico a prezzo agevolato. Il luogo è facilmente raggiungibile dalle località di San Rocco e San Ulderico. La speciale prosegue su un falso piano veloce in direzione Valli del Pasubio per poi scendere a sinistra su una discesa stretta e impegnativa fino a località Scorzati dove sarà ubicato il fine prova.rnrnPS 3/7 “PASSO XOMO” Km 11,68 – 1° passaggio ore 9.28 – 2° passaggio 14.54. Chiusura strada dalle ore 08.24 alle ore 12.24 e dalle ore 13.50 alle ore 17.50 del 2 maggiornrnStorica prova del Rally Campagnolo degli anni settanta. La partenza è situata in località Ponte Verde e si comincia con una salita stretta e guidata su asfalto con grip ottimale per circa 5 km. Si giunge allo scollinamento di Passo Xomo, dove si trovano spazi in sicurezza per il pubblico, e si prosegue lungo una discesa mozzafiato per sette chilometri fino all’abitato di Posina. Il controllo stop è situato di fronte al Municipio. Si segnala, inoltre, a 700 metri dalla partenza una postazione pubblico in sicurezza nei pressi di una lunga curva a destra molto veloce e dove si può vedere un ampio tratto di prova speciale.rnrnPS 4/8 “RECOARO” Km 13,44 – 1° passaggio ore 11.37 – 2° passaggio 17.23. Chiusura strada dalle ore 10.33 alle ore 14.33 e dalle 16.14 alle ore 20.14 del 2 maggiornrnUna classica del Rally Storico Campagnolo rivista nel senso di marcia, visto che come nel 2010 si parte da Contrà Ronchi con una serie di tornati in salita dove segnaliamo una postazione in sicurezza per il pubblico a 300 metri dalla partenza; si prosegue con un tratto misto veloce fino alle seggiovie di Recoaro 1000 dove anche qui segnaliamo una postazione pubblico in sicurezza che permette di vedere un ampio tratto di strada; la prova prosegue con la discesa mozzafiato di circa seirnrnchilometri,molto guidata e su un tratto di strada largo, fino al raggiungimento del fine prova situato in località Montagna Spaccata.rnrnPS 5/9 “VALLE” Km. 6,19 – 1° passaggio ore 12.41 – 2° passaggio 18.37. Chiusura strada dalle ore 11.37 alle ore 15.37 e dalle ore 17.28 alle ore 21.28 del 2 maggiornrnAltra classica dell’automobilismo vicentino. La prova più breve del rally ma che richiede particolare tecnica e attenzione da parte degli equipaggi. Si parte da località Valdinonte nel comune di Castelgomberto ai confini con quello di Isola Vicentina con una serie di tornanti stretti in salita fino al raggiungimento del bivio di Torreselle, dopodichè si prosegue a sinistra iniziando la discesa guidata mista con tornanti. Il fine prova è situato in Via Vallugana. Questa prova non offre molto spazio in sicurezza per il pubblico, tranne ad un chilometro dalla fine dove si possono vedere due tornanti spettacolari in sicurezza ma raggiungibili solo a piedi.rnrnOltre che lungo le prove speciali, ci sarà la possibilità di seguire la prova speciale “Torreselle” del venerdì sera anche tramite i maxi schermi posizionati in Piazza Marconi ad Isola Vicentina e via web grazie alla trasmissione in streaming dei passaggi delle vetture; sul sito http://www.rallyclubisola.it e http://www.rallystorici.it, oltre a http://www.acisportitalia.it saranno attivati i link per la visualizzazione in diretta dell’evento.rnrnIl Rally Storico Campagnolo, non è però solo competizione visto che una volta di più l’attenzione degli organizzatori del Rally Club Team è rivolta anche alla solidarietà e quest’anno sarà dedicata al Villaggio SOS di Vicenza: si tratta di una Onlus membro dell’Associazione SOS Villaggi dei Bambini Onlus Italia che ha quale finalità principale l’accoglienza di minori che provengono da situazioni famigliari difficili.rnrnLo scopo è quello di garantire l’inserimento in un contesto di tipo familiare per assicurare ad ogni minore un percorso di crescita in vista del rientro nella propria famiglia naturale oppure affidataria. La struttura, in ogni caso, offre continuità all’accoglienza dei giovani sino al raggiungimento dell’autonomia per garantire una dignitosa integrazione nella società. Il Villaggio SOS di Vicenza accoglie inoltre nuclei famigliari in situazione di disagio, donne con fragilità psicologica e donne vittime di violenza, offrendo a loro e ai figli un ambiente familiare e programmi educativi specifici.