Presentato il Rally 4 Regioni

a cura di Piero Venturarnrn

Ruino (PV) – Si sta avvicinando a grandi passi la data di svolgimento del Rally 4 Regioni per Auto Storiche in programma i prossimi 5 e 6 Giugno, per il quale le iscrizioni si sono aperte lo scorso 6 maggio.

Intorno all’evento si sta registrando un notevole interesse, e grande fermento. Vuoi per la concomitanza con un altro avvenimento importante in Veneto, che si è accaparrato tutti i grandi nomi un tempo protagonisti del 4 Regioni, vuoi per il rally delle Dolomiti in programma appena 7 giorni prima, le previsioni sulla quota di adesioni alla blasonata gara pavese, ha diviso gli appassionati in due schieramenti, gli ottimisti e i pessimisti.rnrnGli ottimisti asseriscono che il fascino della gara pavese basta da solo a richiamare un buon numero di praticanti, legati o attratti dalla nobiltà della gara, I pessimisti, dal canto loro, sostengono, che non aver coinvolto La TCS di Rudy Dalpozzo è stata una scelta errata e anche una certa mancanza di riconoscenza nei confronti di chi, esclusivamente con le proprie forze era riuscito nell’intento di far correre nuovamente il 4 Regioni.rnrnDopo le edizioni del 2011 e 2012 promosse dalla TCs di Cesena, e due anni di silenzio, il Rally 4 Regioni torna quindi ad essere esclusivamente nelle mani dell’Automobile Club Pavia, che dallo scorso mese di giugno è presieduto da Marino Scabini, da sempre intenzionato a riproporre una piacevole tradizione fermatasi nel ormai lontano 1986.rnrnIl comitato organizzatore è al lavoro da tempo per garantire un evento, che seppure nella sua sobrietà, obbligata dalle ormai note ristrettezze economiche in cui naviga il Paese e da pesanti concomitanze, cercherà di non far mancare nulla sia sotto forma dello spettacolo agonistico che rndella storia.rnrnrn[showpicc]2_angela_riccardi_e_tiziana_celasco_e_la_lancia_s4.jpg[/showpicc]rnrnrnL’evento, in programma per i prossimi 5 e 6 giugno, è stato presentato presso il Ristorante Belvedere di Ruino, attuale sede di Parco Chiuso Rally Club, il gruppo di appassionanti che da sempre hanno sostenuto il “ritorno”, in cui sono intervenute oltre duecento persone, in un’ambientazione in cui facevano bella mostra di se alcune vetture da rally tra cui la Lancia S4 (nella foto a lato) di Claudio Covini, la Porsche 911 che Alberto Canzian porterà in gara nella manifestazione pavese, l’Opel Kadett di Riccardo Canzian, una seconda Kadett tedesca di Antonio Madama e la piccola A112 Abarth di Verri.rnrnMolti gli ospiti tra cui Emanuele Sanfront ex componente la squadra Fiat, copilota, tra l’altro, dei popolarissimi Giampiero Bagna e Bobo Cambiaghi; Enrica Vistarini “la vogherese volante”, velocissima al volante della mastodontica Citroen DS21, e altri piloti protagonisti del 4 Regioni degli anni ’70 e ‘80 come: Francesco Fiori, Elio Raimondi, Luigi Bossi, Renzo Poloniato, Giuseppe Fiori, Rodolfo Carrera ecc.rnrnrn[showpicc]4_renzo_poloniato.jpg[/showpicc]rnrnrnIl compito di fare gli onori di casa è stato assolto dal presidente Scabini al quale si sono poi succeduti gli interventi di Gigi Bigatti, Fiduciario Aci Sport, Renzo Poloniato (nella foto a lato), che ha illustrato il percorso di gara e Enzo Branda di Aci Sport che curerà l’ufficio stampa della manifestazione. Il tutto si è concluso con il taglio di una gigantesca torta a tema.rnrn10 PROVE SPECIALI e TRE EVENTI IN UNOrnTre eventi in uno sarà il prelibato piatto che l’Aci pavese offrirà agli appassionati: Rally, Regolarità Sport entrambi espressamente rivolti alla competizione e Parata Hall Star per sfoggiare lungo le strade di Pavia e Oltrepo le bellezze delle vetture storiche, senza l’assillo della sfida con il cronometro e certamente per far apprezzare ai partecipanti le bellezze dei luoghi attraversati.rnrnAl Rally 4 Regioni 2015 ci sarà dunque di che soddisfare i palati più esigenti del settore delle auto storiche.rnrnrn[showpicc]logo_r4r.jpg[/showpicc]rnrnrnLa gara è statra presentata dea Renzo Poloniato, da cui è emerso che le giornate di gara saranno due. Si inizia venerdì 5 Giugno, momento in cui, dopo le verifiche Tecnico-sportive, alle 18.30 la carovana multicolore si muoverà dal famoso “vialetto” del Parco delle Terme di Salice per raggiungere Pavia, da dove la gara prenderà ufficialmente il via alle 19,30 dalla centralissima Piazza della Vittoria di Pavia, per affrontare i primi 73 km del percorso che dopo aver sostenuto la prova spettacolo al Motodromo di Castelletto di Branduzzo alle 20.01, i concorrenti alle 20,42 (orario della prima vettura), faranno il loro arrivo a Salice Terme dove si conclude la frazione di gara iniziale.rnrnNella giornata di sabato 6 giugno, i partecipanti prenderanno il via alle ore 11,30 dal Viale delle Terme di Salice, per affrontare i 257 chilometri della seconda tappa con 9 prove speciali (Oramala, Castellaro e Cecima da ripetere 3 volte), mentre l’arrivo della prima vettura è previsto alle ore 21,50 sempre sul Viale delle Terme a Salice. Particolare cura è stata data al tracciato di gara, per cui si sono riprese “Prove Speciali” che hanno fatto la storia delle corse su strada in Oltrepo.

rnrnrn[showpicc]1_cartina_generale.jpg[/showpicc]