“Speciali” San Martino, tra mito e passione

Inizio spettacolare nel piazzale Rosalpina. Poi sarà vietato ogni errore sul Manghen, d’obbligo tenere un gran ritmo a Val Malene, scatenare il tifo del Primiero sulla Gobbera.

San Martino di Castrozza, 22 agosto 2015_ Tre settimane al via del Rallye, la grande festa motoristica di fine estate. Concentrato di emozioni mettendo assieme corsa moderna valida per il Campionato Italiano Wrc, sfida dal sapore antico dell’Historique Rallye e regolarità sportiva nella kermesse del Revival.rnrnTutte le macchine sullo stesso percorso, con l’unica differenza che la sera di venerdì 11 in occasione della prova speciale spettacolo “San Martino” (1,90 km sul piazzale Rosalpina) a partire per prime saranno le vetture del Revival (ore 18:54) seguite da storiche e moderne (ore 20:11), mentre sabato 12 settembre le moderne scatteranno per prime in ogni prova, seguite dalle storiche e da quelle del Revival.rnrnLa dura legge del Manghen. Start del primo concorrente alle 10:25 e 15:10, ci si arriva da Molina di Fiemme. Sono 15,21 km dal Ponte delle Stue in Val Cadino fino alla Val di Calamento verso Borgo Valsugana, salendo ai 2047 metri del Passo Manghen. All’inizio è “quasi” una prova come le altre, poi diventa “mitica” quando la strada diventa una mulatteria asfaltata e non ci si può permettere errori di traettoria.rnrnChiedere per informazioni a Michele Piccolotto che nel 2012 restò sospeso a ruote all’aria. La lunga di Val Malene. Start alle 11:25 e 16:10, dalla conca del Tesino fino all’ingresso della valle del Vanoi un misto tecnico micidiale di 26,46 km con allunghi, staccate, curve, controcurve e tornanti. Importante non perdere il filo, cioè il ritmo nel gioco tra acceleratore, freno e cambiata.rnrnCome per il “triangolo del fuoco”, ti puoi scottare o spegnere, dipende da come esageri. Gobbera a portata di gente. Start alle 12:20 e 17:05, da Canal San Bovo-Lausen fino all’abitato di Imer fanno 11,41 km.rnrnÈ la prova principe nel territorio del Primiero-Vanoi, la più vicina da raggiungere da Fiera e San Martino. Ampi tornanti facilmente accessibili permettono una splendida cornice di pubblico, sempre affamato di derapate e controsterzo. Gran finale con festa bavarese. Fiumi di birra, tonnellate di wurstel, musica e balli. Un anticipo di Oktoberfest in salsa Primiero per concludere allegramente il weekend del Rallye che chiude in pratica la stagione estiva.