Marco Mapelli, Andrea Amici concludono al secondo posto la loro stagione GT3

L’incredibile finale di stagione Audi sfiora l’impresa contro i pronostici. Al Mugello festa per il terzo posto di Emanuele Zonzini e Dindo Capello.

Scarperia e S. Piero (FI) – I piloti Audi Sport Italia possono aver incontrato intoppi durante le loro gare estive in Gran Turismo, ma da quando è arrivato l’autunno si sono rivelati gli uomini da battere. Nelle quattro gare conclusive, al Mugello ed a Misano tre settimane prima, le sempreverdi R8 LMS ultra si sono assicurate ben due vittorie, inclusa quella perentoria di ieri in Toscana, due pole position, tre arrivi a podio ed un giro veloce. La vittoria di ieri ha rimesso Marco Mapelli ed Andrea Amici in corsa per il titolo piloti malgrado i due, con 30 secondi di handicap tempo da scontare al pit stop, sapessero bene di non avere certo i favori del pronostico dalla loro. Peraltro la pole position di Amici ha aiutato il laziale ad iniziare nelle zone nobili della classifica, alle spalle della Ferrari di Niccolo Schirò, che ha seguito incollato al paraurti per tutto il suo stint. Il suo collega Mapelli ha dovuto riprendere la lotta dalla dodicesima posizione, ma una mix di guida ispirata e di occasionale autolesionismo degli avversari ha spinto il grintoso brianzolo verso una splendida seconda posizione finale dietro alla Ferrari 458 Italia di Matteo Malucelli e Stefano Gattuso, col secondo a mettere la firma sul titolo piloti con quattordici punti di vantaggio sul duo Audi. Una posizione, quella di vice-campioni del GT tricolore, tutt’altro che disprezzabile se si pensa che Mapelli ed Amici erano ancora settimi dopo il successo di ieri, a 12 punti dall’ex-leader Mirko Bortolotti (il pilota Lamborghini ha concluso terzo dopo il ritiro).rnrnE infatti malgrado i cieli tristi del Mugello oggi gli animi erano allegri nel box Audi: perché accanto alla numero 7 sul podio c’era anche la numero 6 di Emanuele Zonzini e Dindo Capello, terzi ed al loro quarto podio stagionale. Nella sua ultima gara da pilota impegnato in una stagione intera, Capello ha ancora dato lezioni, risalendo cinque posizioni nel suo stint fino all’ottavo posto, gettando le basi per la rimonta del suo collega sammarinese. Il giovane Zonzini accarezzava perfino l’idea della seconda vittoria in GT, ma la chance sfumava nei tre giri bloccato dietro alla Gallardo di Giovanni Venturini, il che consentiva al futuro campione di creare un margine di sicurezza sulle Audi in rimonta che il ferrarista si portava al traguardo.rnrnrnHANNO DETTO:rnrnDINDO CAPELLO (pilota Audi R8 LMS ultra n.6): “È una gioia finire bene la stagione GT sul podio coi miei compagni ed è stato bello concludere con un buon risultato proprio sulla pista dove ho ottenuto tanti anni fa la mia prima vittoria con Audi e con la squadra di Emilio Radaelli. Ormai i miei impegni imprenditoriali con le concessionarie in Piemonte e quelli istituzionali con Audi AG sono tali da non lasciarmi più il tempo necessario per competere per la classifica di un campionato, specie se si tratta di una serie al top come quest’anno è stata quella italiana. Grazie ancora al mio amico Radaelli ed al suo team, con cui abbiamo condiviso tante belle avventure sportive”.rnrnEMANUELE ZONZINI (pilota Audi R8 LMS ultra n.6): “Sono molto contento che la mia ultima gara insieme ad un grande maestro come Dindo Capello l’abbiamo potuta concludere insieme sul podio. Oggi eravamo molto competitivi, la macchina andava bene e mi ha permesso di rimontare su Palma e su Mugelli e passarli, ma poi quando sono arrivato dietro a Venturini ha fatto da tappo e purtroppo lì ho perso tempo. Peccato, perché la Ferrari di Gattuso era ancora lì davanti e potevamo provare a vincere, o magari poteva cambiare qualcosa anche per il campionato di Marco ed Andrea.”.rnrnANDREA AMICI (pilota Audi R8 LMS ultra n.7): “Al semaforo verde mi è sembrato di essere partito abbastanza bene, ma la Ferrari di Schirò mi ha affiancato ed alla fine alla staccata della San Donato lui ne aveva di più. Poi ho spinto più che potevo, in una occasione gli sono anche arrivato vicinissimo ma c’erano le bandiere gialle e sono stato attento a non fare errori e prendere penalità. Marco ha fatto una rimonta incredibile, è stato un compagno fantastico quest’anno e lo ringrazio, come ringrazio il team per la splendida macchina che avevamo nel finale di stagione”.rnrnMARCO MAPELLI (pilota Audi R8 LMS ultra N.7): “La R8 qui al Mugello come pure a Misano era veramente a posto: mi ha permesso di spingere al massimo e provarci fino in fondo. Ad essere sincero a caldo non so ancora dire se sono contento o no di questa rimonta che mi porta ad un altro secondo posto in campionato dopo quello del 2014. Ammetto che adesso a me e ad Andrea verranno in mente i punti persi in questa o quella gara. Di una cosa sono certo, che mi dispiace di non aver potuto dare ad Emilio Radaelli, a Roberta Gremignani ed al loro team, che ha fatto un lavoro incredibile, un titolo da festeggiare insieme. Magari è qualcosa che fa venire subito voglia di riprovarci l’anno prossimo per finire il lavoro…”.