Formula 1: la Force India e il Mondiale degli altri

Dopo un mese di luglio trascorso lungo l’Europa continentale, la Formula 1 va in vacanza. In totale sono 12 le corse che si sono disputate finora. Ne restano altre 9: un numero di GP che nel 1966, esattamente 50 anni fa, equivaleva a un intero campionato.

La pausa di tre settimane offre l’opportunità di fare bilanci di medio termine. In particolare l’atmosfera vacanziera ci permette di scorrere con tranquillità la classifica. Prima del decisivo rush finale, concentriamoci su un team che raramente guadagna le prime pagine, ma che nel 2016 potrebbe piazzarsi alle spalle di Mercedes, Red Bull e Ferrari, vincendo il Mondiale degli altri: la Force India. rnrnLa squadra anglo-indiana, di base a Silverstone, è alla sua 8^ stagione nel Circus ed è in corsa per centrare il miglior risultato della sua giovane storia. rnrnDopo essersi classificata 5^ nel Mondiale 2015, la scuderia va ora in vacanza con 81 punti, a sole 15 lunghezze dal 4° posto occupato dalla Williams. La famigerata “medaglia di legno”, quella che si assegna, simbolicamente, a chi in una competizione si classifica ai piedi del podio, nelle ultime due stagioni è andata a team del calibro di Ferrari (2014) e Red Bull (2015). Attualmente la 4^ posizione nel costruttori è appannaggio della Williams, a quota 96. Ma, come ha confermato il GP di Hockenheim, la scuderia di Grove è in fase calante.rnrnrn[showpicc]nico-hulkenberg-german-grand-prix.jpg[/showpicc]rn

Gran Premio di Germania 2016. Nico Hulkenberg (28) chiude il GP in 7^ posizione, alle spalle dei top team

rnrn rnChe le alte ambizioni della Force India siano legittime, lo dimostra anche il fatto che la scuderia, dopo 12 GP, è già alle spalle dei tre top team per quanto riguarda il numero di podi: 2, dopo i 16 della Mercedes, i 9 della Ferrari e gli 8 della Red Bull.rnrnDue podi in una stagione costituiscono inoltre un record per gli uomini di Vijay Mallya.rnrnAl di là dei podi, a metà stagione la scuderia può considerarsi soddisfatta del lavoro svolto.rnrnRispetto a 12 mesi fa i due piloti hanno incrementato i loro punteggi. Sergio Perez e Nico Hulkenberg sono l’unica coppia, assieme a quella Red Bull e McLaren, ad aver aumentato il proprio bottino: il messicano ha 15 punti in più, il tedesco 3. Nel costruttori, dunque, la squadra segna un bilancio positivo, rispetto alle prime 12 gare 2015: più 18 punti. Solo Red Bull (+143) e McLaren (+25) hanno fatto meglio.rnrnrn[showpicc]sergio-perez-nico-hulkenberg.jpg[/showpicc]rn

Gran Premio di Russia 2016. Sergio Perez (26) e Nico Hulkenberg (28) festeggiano il loro 100° GP in F.1

rnrnrnTornando alla lotta per l’ambito 4° posto, Williams e Force India godono della stessa power-unit Mercedes. Però Perez e Hulkenberg sono più consistenti di Bottas e Massa. Inoltre dal punto di vista delle strategie la Williams spesso incappa in scelte azzardate, rispetto ai più accorti strateghi Force India. Infine la VJM09 pare smentire il luogo comune che voleva le monoposto arancio-verdi dei dragster per piste ultra veloci, da basso carico aerodinamico. Gli eccezionali podi di Perez a Montecarlo e Baku, due tortuosi cittadini, hanno dimostrato la bontà della vettura in fase di trazione e nel generare deportanza.rnrnVa sottolineato che anche la stagione 2016 non era iniziata col piede giusto, con un solo piazzamento a punti nelle prime tre corse. Lo scorso anno la partenza ad handicap fu dovuta al tardivo battesimo nei test invernali della nuova monoposto. Ma ancora una volta il team ha dimostrato solidità, reagendo, nonostante il budget non sia quello dei grandi costruttori.rnrnSolo in Austria entrambi i piloti non hanno raggiunto il traguardo, a causa di problemi tecnici. Ma proprio sui verdi saliscendi di Spielberg, Hulkenberg ha ottenuto il miglior risultato in qualifica, issandosi in prima fila, al fianco del pole-man Hamilton. Un’altra impresa effettuata in questa prima parte di stagione: solo in altre due occasioni la Force India era scattata in prima fila. Ora manca solo un altro record, da agguantare, se possibile, subito dopo la sosta: il 4° posto, il titolo Mondiale degli altri.rnrnrn[showpicc]2016-alfonso-celis.jpg[/showpicc]rn

Gran Premio del Bahrain 2016. Il tester messicano Alfonso Celis (19) debutta in F.1, disputando le prove libere al volante della Force India

rnrnrnrnrn

Francesco Bagini