F1 Giappone: tutti e tre i tipi di pneumatici utilizzati nelle libere del venerdì sulla superficie piuttosto scivolosa di Suzuka

Miglior tempo di Nico Rosberg in entrambe le sessioni su mescola soft. La possibilità di pioggia per domani aggiunge un’altra variabile nei calcoli per la strategia.

Suzuka, 7 ottobre 2016 – All’inizio del weekend del Gran Premio del Giappone la pista di Suzuka è solitamente ‘verde’ e scivolosa: oggi non ha fatto eccezione, con i piloti che hanno dovuto testare le tre mescole nominate su uno dei tracciati più impegnativi dell’anno.rnrnIn FP1 Nico Rosberg ha chiuso davanti al compagno di squadra Lewis Hamilton con pneumatici soft. Scenario identico nelle FP2, con il tedesco che ha abbassato il tempo a 1m32.250s.rnrnLa sessione pomeridiana si è svolta con temperature della pista di 33°C. I team hanno sfruttato ciascuna sessione per verificare il passo sui long-run con pneumatici e carichi di carburante diversi, oltre ad effettuare simulazioni di qualifica. Finora il gap tra media e soft sembra di circa 1,5 secondi.rnrnUna variabile nei calcoli per la strategia potrebbe arrivare dal meteo, con pioggia prevista per domani. Se dovesse piovere nel corso del weekend, il lavoro svolto oggi potrebbe essere meno rilevante. I team dovranno quindi studiare le strategie per qualifica e gara tenendo conto delle condizioni mutevoli. Per questo le squadre hanno provato tutti i pneumatici oggi. La mescola hard, high working range, si è dimostrata particolarmente adatta alle esigenze di Suzuka.rnrnPaul Hembery, direttore motorsport Pirelli: “All’inizio delle prove libere i piloti hanno trovato una superficie piuttosto scivolosa. La situazione è migliorata man mano che la pista si è gommata. Proseguendo nel trend di questa stagione, il tempo della pole dello scorso anno è già stato battuto nelle FP1 ma, con la pioggia prevista per domani, è probabile che vedremo una sfida diversa in qualifica. Oggi si è lavorato molto sulla mescola hard, che sembra essere un ottimo pneumatico da gara in queste condizioni. Tuttavia, se domenica avremo temperature più basse, la pista potrebbe essere più adatta alle medie”.

rnrnrnrn[showpicc]m1s41311_7_pre.jpg[/showpicc]