Dakar 2017: Le Havre, primo appuntamento

Elementi chiavern• 611 veicoli (gara, assistenza, organizzazione, stampa) sono pronti per essere imbarcati alla volta del Sud America.rn• A Le Havre si sono svolte le verifiche tecniche per facilitare il lavoro che verrà svolto ad Asuncion, in Paraguay, i giorni precedenti la partenza della gara.rn• Quando mancano 5 settimane al via, per i veicoli europei la prima fase della corsa è già iniziata.

Issy les Moulineaux, 26 novembre 2016rnrnCon un po’ d’immaginazione il porto di Le Havre ricorda il bivacco della Dakar con i veicoli che un poco alla volta sono arrivati per la registrazione e le verifiche prima di imbarcarsi per il Sud America. Alcuni team, invece, hanno effettuato le verifiche direttamente presso le loro strutture. É stato il caso del Team X-Raid e le nuove Mini John Cooper Works Rally di Mikko Hirvonen e Yazeed Al Rahji, che non sono uscite dai camion.rnrnHanno già passato le verifiche la maggior parte dei 4×4 e dei buggies. I camion Kamaz hanno effettuato il primo test di durata percorrendo 4.000 km da Naberezhnye Chelny in Tatarstan. Cosa che non è avvenuta per il team Sherco, con uno dei loro camion che si è perso per strada nel tragitto per raggiungere il porto francese. É una corsa contro il tempo per le moto di Juan Pedrero, Adrien Metge e Aravind Prabhakar che dovranno trovare una soluzione per raggiungere Le Havre.rnrnMentre gli skippers di Vendée Globe continuano a navigare intorno al Capo di Buona Speranza, i primi giorni della prossima settimana, i mezzi della Dakar inizieranno il loro viaggio alla volta dell’Argentina.rnrnLa nave cargo trasporterà in totale 611 mezzi: 241 veicoli della gara (124 moto, 15 quad, 54 macchine e 48 camion), 275 mezzi dell’assistenza e i 95 veicoli stampa e organizzazione. Il viaggio durerà circa 20 giorni, ma i proprietari potranno ritirare i mezzi solo il 27 Dicembre al porto di Zarate in Argentina. I concorrenti copriranno poi 1000 km per raggiungere Asunción in Paraguay.