La Solaris Motorsport al lavoro per ripristinare la Vantage GT3

Dopo il violento crash in Francia, la squadra abruzzese vuole essere al via in Portogallo, tappa inaugurale dell’International GT Open.

Pescara, Italia – È una corsa contro il tempo quella degli uomini della Solaris Motorsport, impegnati nel ricostruire l’Aston Martin Vantage GT3 andata distrutta nel violento crash al Paul Ricard che ha visto protagonista Francesco Sini. La nuova scocca è arrivata nella sede della squadra abruzzese nei giorni scorsi, permettendo ai tecnici della squadra di cominciare il lungo e laborioso lavoro di ricostruzione della vettura. In sole tre settimane gli uomini della Solaris dovranno ricostruire da zero la GT3 inglese: obiettivo essere al via della tappa inaugurale del GT Open in Portogallo in programma il 29 e 30 aprile all’Estoril.rnrnrn[showpicc]ab4bfcf7-0d95-471d-b8f5-26cb0439b7a0.jpg[/showpicc]rnrnrn“Quando dicevo che questa sarebbe stata una stagione interessante e stimolante non intendevo esattamente questo. – ci scherza su Roberto Sini, Team Principal della Solaris Motorsport – Abbiamo davvero poco tempo e dobbiamo ricostruire tutta la vettura, ripartiremo dalla scocca nuda, in quanto dopo il crash abbiamo dovuto sostituire il telaio, andato irrimediabilmente danneggiato. Sarà una bella sfida per tutti noi, bullone dopo bullone dobbiamo costruire un’intera GT3 in meno di tre settimane. Faremo gli straordinari, passeremo Pasqua in officina, ma non è la prima volta che ci troviamo nelle condizioni di ricostruire una vettura a tempo di record. Voglio ringraziare la Prodrive e Aston Martin Racing per il supporto e l’aiuto che ci hanno fornito fin da subito, così come gli organizzatori del GT Open e tutti coloro che ci hanno fatto sentire il loro affetto. La cosa più importante è che nel crash, che è stato alquanto violento, le strutture di sicurezza dell’Aston Martin hanno retto più che bene e Francesco è uscito praticamente incolume dopo un urto a oltre 240 km\h. Vogliamo arrivare in Portogallo e dare a Mauro e Francesco un’Aston competitiva come lo è stata in tutte le sessioni di test che abbiamo disputato!”