Il Campagnolo Historic a Turri e Garavello

Il duo del Progetto MITE porta alla vittoria la Fiat 128 nella gara di regolarità sport vicentina valevole per il Trofeo Tre Regioni, precedendo Maiolo su Porsche 911 e Mozzi con l’Opel Kadett.

Isola Vicentina (VI), 28 maggio 2017 – È stato avvincente e combattuto anche il 9° Campagnolo Historic, la gara di regolarità sport abbinata all’omonimo rally di Campionato Italiano, che ha aggiunto all’albo d’oro i nomi di Giacomo Turri e Christian Garavello bravi a sbaragliare una qualificata concorrenza ed aggiudicarsi la vittoria dopo i sette rilevamenti cronometrici. rnrnCome da tradizione s’inizia col prologo serale sulla “Torreselle” dove Matteo e Fabio Grossule centrano il netto con l’Opel Manta Gt/e seguiti da Giordano Mozzi e Sonia Cipriani con l’Opel Kadett Gt/e a due penalità e i futuri vincitori a tre, pari merito con Mauro Argenti e Roberta Amorosa sulla Porsche 911 T, i quali l’indomani si portano in testa dopo la prima prova ma si ritireranno subito dopo.rnrnAl riordino di metà gara la lotta sembra ristretta tra Turri e Mozzi separati da quattro penalità con Maurizio Senna e Lorena Zaffani su Volkswagen Golf Gti, terzi, a sei punti dalla vetta; più staccato un sestetto racchiuso in soli tre punti e composto dai vari Giacoppo, Iula, Fabbri, Martini, Maiolo, Grifa, tutti pronti ad approfittare di eventuali errori del terzetto di testa. E sarà proprio uno degli equipaggi inseguitori, quello formato da Marco Maiolo e Maria Teresa Paracchini su Porsche 911 RSR a risalire la classifica grazie a tre sole penalità in altrettante prove e portarsi sul podio finale.rnrnTurri suda freddo dopo un “11” pagato a Gambugliano che gli costa la vetta della provvisoria ma si rifà nelle successive prove e arriva sul palco di Piazza Marconi ad Isola Vicentina festeggiato, assieme al navigatore Garavello, quale vincitore assoluto con grande gioia del Progetto M.I.T.E.; l’associazione sportiva che schiera equipaggi nei quali il navigatore è sempre una persona non vedente o ipovedente, col successo del Campagnolo porta a quota trentatré il numero di vittorie assolute conseguite.rnrnIl podio viene completato da Maiolo e Paracchini che sul filo di lana superano Mozzi e Cipriani. Al quarto posto chiudono Senna e Zaffani seguiti da Giacoppo e Grillone Tecioiu su Lancia Fulvia HF; sesti sono Fabbri e Taesi su Volvo 144 con Grifa e Salvetti in scia e settimi su Porsche 911. L’Alfa Romeo Giulia Ti di Cicuttini e Scaravetto è ottava seguita dalla Porsche 911 Sc di Iula e Cocconcelli e chiude la top ten la Fiat Uno 70S di Martini e Moscato.rnrnAl Progetto M.I.T.E. anche la vittoria nella classifica delle scuderie con la Palladio Historic e Rally Club Team a completare il podio.