Pole italiana per Viñales

Maveric Viñales - photo by Otto Moretti
Il leader della classe è il più veloce nel sabato toscano, al suo fianco il Dottore. Petrucci bene ma penalizzato, Dovizioso è in prima fila.

Maverick Viñales mette a referto il miglior tempo delle qualifiche al Mugello e con il crono di 1:46.575s stacca di 0,239s il compagno di box Movistar Yamaha, Valentino Rossi, in ricupero fisico dopo l’incidente di cross della settimana scorsa. Bene le Ducati, attaccate alle Yamaha e la prima moto di Borgo Panigale è la numero 4 di Andrea Dovizioso, in prima fila. Le Honda seguono da vicino.

 

Inizia la lotta per la pole position della massima cilindrata e i migliori dieci delle libere si sfidano su un tracciato toscano rovente. La temperatura è di circa 35 gradi e il più veloce a fine FP3 è stato Rossi. In Q2 entrano Johann Zarco (Monster Yamaha Tech 3) e Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing). Il pilota M1 satellite chiude le sue qualifiche come undicesimo mentre il ternano si mette subito in alto alla tabella tempi e, fino alla fine, resta con i primi per poi essere penalizzato dopo aver superato il limite esterno della curva cinque.
 
Da subito Rossi sembra in condizione di fare bene. Il pesarese mette a referto una serie di tempi ottimi e il suo miglior passaggio è chiuso in 1:46.814s. Spinto dai numerosissimi tifosi, il Dottore è tra i più incisivi del sabato e, per la quarta volta in questa stagione, inizierà una gara dalla prima fila. Più veloce di lui però è il suo compagno di box, già in seconda casella nel 2016, che sigla la quarta pole position della sua avventura in Yamaha.
 
I corridori del Team non stanno a guardare. I tre ducatisti ufficiali vanno forte sulla loro pista di casa ma Jorge Lorenzo alla fine non ingrana e segna il settimo tempo pagando un ritardo di 0,577s da Viñales. Meglio di lui fanno gli italiani su Desmosedici. Dovizioso alla fine partirà dalla terza casella con un ritardo di 0,260s dal crono di riferimento mentre Michele Pirro aprirà la terza fila. Dietro alle moto di Iwata ci sono i prototipi di casa. Dopo pochi passaggi cade Aleix Espargaro (Aprilia Gresini) che mette a referto l’ultimo crono della Q2. Le Honda ufficiali provano a contrastare sia i piloti Ducati sia le Yamaha. Marquez, che è stato competitivo anche nelle prime libere, chiude le qualifiche con il sesto tempo. Dani Pedrosa, secondo in classifica, a meno due minuti dalla fine sale in pole position ma alla fine è quinto e prima moto dell’ala. Ottime qualifiche per Alvaro Bautista (Pull&Bear Aspar) che segna l’ottavo tempo.
 
Domenica 4 giugno la gara, che prederà il via alle 14:00. Prima il warm up con la massima cilindrata che sarà in pista dalle 9:40.